Ascoltami!

Ascoltami! - Didattica & Comunicazione

Tipi di ascolto

Laura, Marta e Giovanna stanno programmando la festa di Natale per tutti gli insegnanti del comprensivo.

Hanno pochissimo tempo, e Laura teme di non riuscire ad organizzare tutto. Il dialogo è più o meno questo:

Laura: Allora, ricapitoliamo. Ciascuno porta qualcosa da mangiare. Quelle delle elementari pensano agli antipasti e ai primi. Noi delle medie pensiamo ai secondi e ai dolci. Cerchiamo di avere abbastanza per tutti, senza ..

senza esagerare – conclude per lei Giovanna

Laura: esatto, senza esagerare. Poi ne riparliamo, per suddividerci le cose. Prima di dimenticarmi, parliamo un attimo degli addobbi per la sala. I bambini sono settimane che lavorano per preparare. Le colleghe delle ...

Sì, le colleghe delle materne hanno fatto un mucchio di cose – conclude per lei Giovanna

Laura: Esatto. Sai se hanno fatto solo le cose per la sala o hanno fatto anche qualcosa per addobbare la tavola?

Giovanna: per addobbare la tavola? Non so.

Laura: Marta, puoi chiedere tu alla tua amica che lavora alle materne.

Marta: sì, certo. Cosa devo chiedere?

Domande

Riportati così, i dialoghi sembrano la fiera dell’assordo, ma sono più frequenti di quanto ci rendiamo abitualmente conto.

  • Giovanna e Marta manifestano due diversi tipi di ascolto, entrambe poco efficaci. Quali?