Home » Comunicazione Tecniche e idee » Io sono, tu sei, egli è

Io sono, tu sei, egli è

Io sono, tu sei, egli è - Didattica & Comunicazione

Studiando grammatica il verbo essere ha diversi ruoli e funzioni. Studiando comunicazione il verbo essere ha un compito fondamentale: esprime l’identità.

Ogni volta che parliamo attraverso la declinazione del verbo essere facciamo riferimento all’essenza di una persona: la sua identità, e questo vale sia verso noi stessi che verso gli altri.

Io sono un insegnante è ben diverso da io esercito la professione di insegnante. Secondo la filosofia ayurvedica esistono cinque possibili ruoli, o compiti, nella vita, e ciascuno di noi ne ha uno per la vita attuale. Tra questi c’è l’insegnante. Non importa dunque la professione che si sceglie o che si esercita: chi nasce con il compito di insegnare lo farà in qualunque ambito professionale.

Ma sto divagando.

Ciò che è importante è che l’uso del verso essere riferito a noi stessi o ad altri accompagnato da una precisa caratteristica diventa uno stato quasi permanente, difficile da modificare.

Così, ad esempio, nel dare un feedback, per il quale bisogna tassativamente limitarsi a commentare i comportamenti, l’uso del verbo essere è pressoché vietato.

Analogamente in ambito salute ogni volta che il paziente, soprattutto in una situazione grave o di cronicità, dovrebbe evitare espressioni del tipo “sono malato” e sostituirle con “io ho una malattia”: ciò che si ha può essere modificato, ciò che si è … è decisamente più complesso da gestire.

E cosa accade quando parliamo di emozioni?

Premetto che io non sono una fautrice del pensiero positivo, ma solo una convinta assertrice del fare tutto quanto è possibile per migliorare il proprio benessere o, detto in maniera un po’ più grossolana, evitare di darsi costanti martellate sui calli.

Relativamente alle emozioni negative bisognerebbe evitare di usare il verbo essere, e usare il più possibile espressioni dettagliate e contingenti. Ad esempio evitare affermazioni come “sono triste” e sostituirle con “oggi mi sento triste”.

In fondo non è difficile!