Home » Comunicazione Tecniche e idee » Le posizioni percettive: mettersi nei panni degli altri

Le posizioni percettive: mettersi nei panni degli altri

Le posizioni percettive: mettersi nei panni degli altri - Didattica & Comunicazione

Ascoltare è una tecnica, un’arte. Ma ascoltare è soprattutto un’abitudine, che va allenata.

Se smettiamo di ascoltare gli altri, a poco a poco perderemo anche l’abitudine di ascoltare noi stessi.

La tecnica principe per ascoltare è l’ascolto attivo, che viene applicato quando si dialoga, ma non è l’unico sistema per ascoltare.

Un diverso sistema di “ascolto” è quello di cambiare posizione percettiva.

In questo caso si può fare tutto da soli, perché si tratta di ascoltare diversi punti di vista senza che l’altro interlocutore sia presente. È un vero e proprio esercizio di flessibilità mentale, ed è particolarmente utile proprio per questo.

Infatti diverse teorie, dimostrate in maniera piuttosto solida, affermano che la vera forza di sopravvivenza e di gestione delle situazioni (soluzione dei problemi, gestione delle emergenze, gestione dei cambiamenti) è legata alla capacità di essere flessibili.

La definizione di cambiamento di posizione percettiva viene dalla PNL, ma il concetto di mettersi nei panni altrui è proprio di ogni cultura: gli indiani d’America lo esprimevano come “indossare i mocassini dell’altro”.

L’esercizio della PNL (ma la Psicodinamica nel propone uno molto simile) consiste nell’esaminare un problema, o una disputa, assumendo man mano 4 diversi punti di vista:

  • il proprio
  • quello dell’interlocutore
  • quello di una sorta di mediatore, coinvolto, ma neutrale
  • quello di una persona totalmente estranea, osservatore sterno

Riuscire ad immedesimarsi nei ruoli, assumendone il modo di parlare, la postura e gli stessi pensieri, è essenziale e apre le porte ad una visione dei fatti completamente diversa, che man mano si dipana fino a non essere un compromesso, ma una sintesi.

Le stesse modalità possono essere impiegate come gioco di ruolo tra i ragazzi in un team, per affrontare questioni complesse, o tra contendenti in una disputa: una sorta di rappresentazione teatrale con persone reali che si calano totalmente nei panni altrui.