Home » Scuola e Comunicazione » Leadership in classe: cos’è la leadership

Leadership in classe: cos’è la leadership

Leadership in classe: cos’è la leadership - Didattica & Comunicazione

Si parla molto di leadership. Con tanta confusione!

Esistono molti testi, scuole, corsi, che definiscono e lavorano sulla leadership. Ammetto che esiste anche tanta confusione, compreso il significato che viene attribuito al termine leadership.

Spesso ho trovato l’uso del termine carisma come sinonimo di leadership. Non sono d’accordo!

La leadership è la gestione di colui che esercita un ruolo di guida. è flessibile, modulabile, variabile. Esistono stili di leadership personali, ed esistono stili di leadership più utili in determinate situazioni, al punto che oggi il leader più positivo è quello che sa cambiare il proprio stile di leadership in funzione del momento, del gruppo che sta guidando, dell’obiettivo da raggiungere e di cosa sta facendo il gruppo.

Il carisma è un’altra cosa. Tant’è vero che esiste uno stile di leadership che viene definito “carismatico”. Se i due termini fossero sinonimi tale definizione non avrebbe senso perché equivarrebbe a definire che una tavoletta di cioccolata è cioccolatosa.

Carisma è, letteralmente, il dono divino di affascinare gli altri, nel senso più ampio e totale del concetto di fascino.

Il termine carisma esiste anche in lingua inglese (charisma) e viene ritenuto sinonimo di “magnetismo”.

Chi ha carisma è considerato in contatto diretto con Dio, o con un più ampio senso di illuminazione e elemento Divino. O forse dovremmo ampliare ancor più il concetto e dire che il leader carismatico è in contatto diretto con l’ultraterreno, visto che a volte sembrano essere più in contatto col diavolo che con Dio (Hitler era indubbiamente un leader carismatico!).

Digressioni a parte, ogni insegnante è chiamato ad esercitare la sua leadership  nella gestione della classe. E per farlo al meglio, nel modo più utile, è opportuno che conosca gli stili di leadership, identifichi il suo stile abituale, ed impari ad essere flessibile.

Ma questa è un’altra storia!