Home » Comunicazione in pratica » Mi prendi in giro?

Mi prendi in giro?

Mi prendi in giro? - Didattica & Comunicazione

Dedicato a tutti coloro che fanno fatica ad accettare i complimenti

La storia

Penultimo anno delle superiori.

  • Buongiorno. Oggi vi ho portato il compito in classe di italiano corretto. Ciascuno troverà le correzioni, il voto e un commento. Ma per prima cosa vorrei leggere a tutti il compito di Valeria, ovviamente se Valeria lo permette, perché è davvero eccezionale.

Valeria, un’adolescente un po’ timida e impacciata, abbassa la testa e borbotta

  • Prof, faccia un po’ come le pare.

Terminata la lettura, la professoressa ripete i complimenti. Gli studenti hanno gli occhi lucidi. Valeria, nell’ultimo banco, è sempre più imbarazzata. Il tema è davvero straordinario e, spontaneamente, parte un applauso.

E Valeria manda tutti al diavolo e scappa dell’aula piangendo.

La professoressa pensa di aver capito cosa sia successo, e perché. Raccomanda a tutti il silenzio e segue Valeria.

Domande

  • Tu cosa pensi che sia successo, e perché?
  • Cosa può dire la prof. A Veleria per aiutarla?

Risposte

Tu cosa pensi che sia successo, e perché?

Chiaramente Valeria si è sentita in imbarazzo e le emozioni hanno avuto il sopravvento, ma questo non motiva la reazione di mandare tutti al diavolo.

Il motivo potrebbe essere che Valeria non crede ai complimenti della professoressa e dei compagni, e invece di sentirsi gratificata, si è sentita umiliata e presa in giro. Non è raro che questo accada.

Di solito si tratta di persone che hanno sviluppato un fortissimo referente interno: loro sono gli unici giudici del loro lavoro. La conseguenza può quindi essere che i complimenti non vengono accettati, e vengono addirittura considerati una presa in giro.

Cosa può dire la prof. A Veleria per aiutarla?

Mi rendo conto che hai difficoltà ad accettare i complimenti, e forse non credi che siano sinceri. A volte può capitare che qualcuno cerchi solo di lusingarti, ma non in questo caso: il tuo tema era davvero straordinario e i tuoi compagni l’hanno apprezzato quanto me. Se rifiuti un complimento sincero, stai dicendo a chi te lo fa che per te non conta, che non ti fidi di lui, o di lei. Pensa a quando tu fai dei complimenti: ti piace che vengano accettati. Fidati del tuo giudizio, e continua ad essere perfezionista come sei, ma impara anche ad accogliere le belle parole di chi ti vuole bene.