Home » Comunicazione Tecniche e idee » Se devi attraversare l’inferno ...

Se devi attraversare l’inferno ...

Se devi attraversare l’inferno ... - Didattica & Comunicazione

Se devi attraversare l’inferno, fallo a testa alta NCIS Dr. Mallard

Vi è mai capitato di dover affrontare un ambiente ostile, persone aggressive, situazioni in cui vi sentite, come Don Abbondio, dei vasi di coccio in mezzo a vasi di ferro?

Pensate ad una riunione con persone che ritenete più forti di voi, di cui avete paura, e sapete che vi contrasteranno, magari vi metteranno in mezzo, si prenderanno gioco di voi, vi sentirete umiliati.

Sapete di cosa parlo? Io sì, molto bene.

Ed è qui che interviene il dr. Mallard di NCIS: se devi attraversare l’inferno, fallo a testa alta.

Oppure, se preferite una citazione più dotta, posso ricordarvi le parole di Franklin Delano Roosevelt: L'unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa.

Già, perché affrontare queste situazioni con la paura dipinta sul volto significa andare incontro a braccia aperte a ciò che si teme di più: la sconfitta e l’umiliazione.

I prepotenti, tutti, possono essere prepotenti solo se vedono davanti a sé qualcuno che ha paura e possono sentirsi forti solo se suscitano paura.

Non possiamo cambiare il vento, ma possiamo adattare le vele (oggi mi sento in vena di citazioni ..)

Non possiamo evitare, dunque, che gli altri siano prepotenti, e in una certa misura non possiamo neanche evitare di avere paura, ma possiamo evitare di manifestarla. In fondo, il peggio che ci può accadere è proprio ciò che immaginiamo.

Quali risorse abbiamo a disposizione?

Prima di tutto il respiro che, come ripeto spesso, è in collegamento con lo stato d’animo. Respiriamo, quindi in maniera calma, e la paura stessa si attutisce fino a sparire.

E poi la comunicazione non verbale. Chi ha paura la manifesta con spalle curve, testa bassa, occhi bassi.

Quindi spalle dritte, testa alta e cercare il contatto, in maniera calma, consapevole, rilassata, con gli occhi delle persone che temiamo.

Insomma, evitate di manifestare paura, senza lanciare sfide, e … provate a vedere cosa succede. A me è servito!