Home » Comunicazione in pratica » Strane storie

Strane storie

Strane storie - Didattica & Comunicazione

Dopo una lezione sulla Reggenza inglese, gli studenti sono inviatati a fare un gruppo di studio sull'argomento

L’insegnante ha tenuto una lezione sul periodo della Reggenza inglese, momento storico ricco di personaggi e avvenimenti che hanno profondamente segnato la storia europea. Ha poi chiesto agli alunni di fare un gruppo di studio sull’argomento, e ciascun gruppo, composto da quattro studenti, può scegliere cosa approfondire.
Ora Luca, Claudio, Anna e Laura si sono riuniti e devono scegliere l’aspetto del periodo storico approfondito dal loro gruppo.
Luca
Secondo me dobbiamo dare un quadro logico degli avvenimenti, il loro concatenarsi, dimostrare la logica del causa-effetto che traspare da tutto il periodo, a cominciare dal 1811, quando venne riconosciuta l'incapacità di Giorgio III di governare l'impero inglese e venne designato come "Reggente" fino alla sua morte il figlio Giorgio IV e dovremmo descrivere l’influenza della Francia di Napoleone sull’intero periodo e motivarne le ragioni.
 
Claudio
Io credo che dovremmo concentrare la nostra attenzione su ciò che è avvenuto in quel periodo. Vi ricordo che si combatteva: le guerre napoleoniche e la battaglia di Waterloo sono in quegli anni. È un periodo denso di avvenimenti, di fatti. La gente combatteva, scriveva, costruiva. Gli inglesi si sono battuti all’esterno contro Napoleone, ma anche all’interno contro la corruzione nell’esercito, o contro la criminalità interna. Hanno fatto un mucchio di cose! E poi direi di non stare tanto qui a discutere, ma cominciare a lavorare. Abbiamo poco tempo, non perdiamoci in filosofie inutili!
 
Anna
Sì, ma quello che è successo, le cose che hanno fatto, sono già note a tutti. Secondo me è più interessante concentrarci sulle persone. Giorgio III impazzito, il principe di Galles un po’ strano, Jane Austin che proprio in quel periodo comincia a scrivere i suoi romanzi più belli, ma anche sir Walter Scott scrive Ivanhoe, un personaggio leggendario. E poi ci sono il Duca di Wellington, Beau Brummel, Lord Byron, Horatio Nelson, …
 
Laura
Uffa, sei sempre la solita, come se il mondo fosse limitato alle persone. Invece in quel periodo è nato lo stile neoclassico, i mobili diventano lineari e funzionali, anziché ricchi di decorazioni, gli abiti assumono la foggia impero, a vita alta. E poi ci sono gli abiti maschili, così stretti che ci voleva il cameriere per riuscire ad indossarli, e alcuni mettevano sacchetti di sabbia ai polpacci per mostrare i muscoli che non avevano. E poi la fine delle parrucche, l’invenzione del valzer …

Domande

  • I suggerimenti dei quattro ragazzi nascono da un loro diverso modo di vedere il mondo che ha una definizione ben precisa. Quale?